Seleziona una pagina
Articoli | Storico

WhatsApp si aggiorna e presenta una versione innovativa per i consumatori

Martina Donini

Si può certo dire che, in piena era digitale, i messaggi viaggiano alla velocità della luce grazie alla nascita di innumerevoli app, una fra le tante, forse la più usata  è di certo quella di WhatsApp. L’app di messaggistica di casa meta, è da sempre in prima linea per offrire ai propri clienti una costante evoluzione di sé stessa, dalla criptografica end to end delle chat, alle nuove ed innovative alternative, come ad esempio la videochiamata, il video messaggio, la nascita di sempre più nuove emoticon e cosi via. In questi giorni, però, pare che quest’ultima abbia voluto intraprendere un enorme passo in avanti, grazie al nuovo aggiornamento infatti, disponibile sia per Android che per IOS, sarà possibile ricevere messaggi provenienti anche da altre piattaforme di messaggistica, denominata per l’appunto, “Chat di terze parti”, ma come funzionerà esattamente? In sostanza grazie al nuovo aggiornamento, all’interno del menù, l’utente troverà la nuova dicitura chiamata proprio, chat di terze parti, e non dovrà fare altro che attivare la funzione di interoperabilità con altre applicazioni. Una volta effettuata questa procedura, tramite la sezione impostazione dell’app, all’utente verrà quindi data la possibilità di selezionare le altre app di messaggistica con cui intende operare congiuntamente a WhatsApp; di fatto quest’ultima  permetterà l’accesso  alla totalità dei messaggi ricevuti, di confluire all’interno dell’app di Meta, nella schermata Chat dell’applicazione.

Apr 2024

Altro in

Giornata mondiale delle password

In un mondo dominato dai social, di pari passo, troviamo le password, ovvero quei comandi che ci permettono di proteggere i nostri dati personali, che sia appunto un social, oppure l’applicazione della banca, o della nostra email e cosi, via, purtroppo, colpa anche le...

Altro in

Giornata mondiale delle password

In un mondo dominato dai social, di pari passo, troviamo le password, ovvero quei comandi che ci permettono di proteggere i nostri dati personali, che sia appunto un social, oppure l’applicazione della banca, o della nostra email e cosi, via, purtroppo, colpa anche le...